Indirizzo

Via della Seta 22,

21052 Magenta

Fisioterapista

Studio Serani

Dott.essa Anna Serani

Registrazione

Iscrizione all’Ordine

77889

Primo Contatto:

Tel. +39 3478799155

gimas@liliumadmaiora.com

Come Operiamo Diagnosi Completa di Patologie e Formulazione delle Terapie

Stare  bene è una nostra esigenza ed un nostro diritto. Ma è una responsabilità che abbiamo anche verso i nostri cari che per noi si preoccupano o da noi necessitano aiuto.

 

Possiamo farlo. Possiamo farlo insieme, dobbiamo solo volerlo e rivolgerci al giusto contatto.

Noi crediamo in tutto questo.

Attorno ad un Servizio al Paziente

Consultazioni Online

Possiamo incontrarci on line se non Ti è possibile accedere al nostro Studio. Un seguito verificheremo i progressi e tenerci in contatto. Contattami su Whatsapp per una immediata verifica

Rete di Contatti

Il Nostro Studio collabora con Professionisti specialisti perchè quando necessario sia una squadra a collaborare per Te. Scrivici se una breve descrizione della Tua necessità

Per saperne di più

Informarsi è una ottima abitudine. Nel link qui sotto troverai alcune informazioni per saperne di più sulle terapie, per il Tuo interesse o curiosità..
Aggiorniamo con novità-

Servizi e Trattamenti Offerti

Routine check-up

 “Prevenire meglio che durare”

Tutti conoscono il famoso adagio. Tecnicamente si adatta alla cura con check up di routine.

Con i miei Pazienti stabiliamo un piano regolare di controllo. Leggero, adattato a tempi ed esigenze, senza interferire ed appesantire la vita quotidiana.

Piccoli miglioramenti frequenti

In molte discipline si spiega come controlli ripetuti e leggeri siano preferibili rispetto ad interventi pesanti anche se ancora “quasi in tempo”. In mote discipline si utilizza un termine giapponese: Kaizen. 

Impegnarsi in piccoli miglioramenti frequenti ma con un percorso studiato e controlli di verifica per avere sempre la bussola di viaggio sotto controllo.

La Postura

La Postura è la fra le prime forme di benessere ma può essere l’origine di molti malesseri. La Postura accentua i nostri vizi e li tenta, ma può essere maestra di Virtù per molti comportamenti di salute e di estetica e portamento.

Chiedersi …

Ci chiediamo se siamo seduti in maniera corretta? Se abbiamo rispetto della nostra schiena o la sforziamo e trascuriamo? Perchè ci fidiamo di lei sempre e comunque o nemmeno lo pensiamo. Ci guardiamo e chiediamo come camminiamo? come i nostri piedi li poniamo e li controlliamo non solo per il valore delle nostre scarpe? E se abbiamo malessere ci chiediamo se la causa sia la Postura o se di conseguenza la nostra Postura si degrada ed accentua ancora di più il danno?

Ginnastica Posturale

Divernire consapevoli dell’importanza della Postura accresce la nostra cultura di Benessere. Ma poi? non è sufficiente sapere, non è abbastanza “tirarsi su” quel momento in cui ci fa male un punto o lo specchio rimanda una immagine scomposta. Serve apprendere bene e fisicamente come agire e come mantenere. 

Il Ginocchio

Artrosi, oppure colpito da infezioni. Incidenti gravi o problemi leggeri che si accumulano nel tempo divenendo un problema serio. Quanto è delicata questa preziosissima articolazione?

Come possiamo intervenire 

Prima di tutto uno studio accurato ed una comprensione profonda della situazione. In seguito si può agire con strumenti ed esercizi per movimento e ripristinare il funzionamento. Abbiamo quindi la tecnica e affianchiamo la cura naturale di un Professionista che riporta il corretto ripristino delle sue funzionalità

Seguire il Percorso

Sostiene e aiuta il nostro movimento. Ma quando è lui, il ginocchio, in difficoltà allora necessita tutta la cura, professionalità e umanità nel seguirlo. Un Professionista accompagna il Paziente in una serie di cicli di riabilitazione. Ciascun ciclo ha un obiettivo specifico da raggiungere per piccoli passi. Terminato, si inizia con il successivo. Nulla può essere affrettato. 

La Spalla

Avere le Spalle forti. Essere una Spalla per qualcuno. Colpiti dietro le Spalle. Girare le Spalle… quante espressioni e quanti significati abbiamo attribuito alla Spalla. E quando è la Spalla ad avere bisogno di noi?.

Cara “Cuffia”… Una Complessa Unità nella Spalla.

“Cuffia dei rotatori”. Un Nome che a prima lettura sembra dire poco. Eppure è fondamentale. E’ l’insieme di muscoli e tendini che ha il compito di rendere stabile l’articolazione della Spalla. Muscoli specifici (sovraspinato, sottospinato, piccolo rotondo e sottoscaplorare) sono al di sotto di altri  muscoli come ad esempio il Trapezio. Stabilizzano la spalla e supportano  i movimenti di rotazione (extra ed intra) e di abduzione (allontanamento del braccio). la “Cuffia dei rotatori” assolve all’importante compito di evitare che durante il movimento del braccio, la testa dell’omero perda contatto con la glena della Scapola,

Indagare anche oltre gli Strumenti 

A fronte di problemi alla Spalla spesso ci si indirizza o si è indirizzati ad analisi generali come radiografie, ecografie, risonanze magnetiche. Tutto giusto ma forse non completo anzi… alle volte davvero manca una parte che è propria del Fisioterapista. Se non ci sono lesioni, se non ci sono segnali che gli strumenti menzionati sopra possano rilevare il rischio è di essere guidati altrove. Quando invece proprio una indagine da Fisioterapista può scoprire quel qualcosa in più

Il Colpo di Frusta

Il Colpo di Frusta riguarda le vertebre cervicali, i muscoli ed i legamenti del collo. Un brusco movimento della testa ed i limiti sono superati. Ed accade. La testa si flette violentemente indietro e violentemente subito in avanti e la colonna verticale subisce un trauma ed una distorsione.

Conseguenze 

In casi fortunati regredisce in poco tempo; in casi più complessi permane un dolore ed uno sfasamento che devono essere posti in cura. In situazioni molto più complesse i danno possono divenire semi permanenti o permanenti fino ad esempio ernie al disco. Sintomi possono andare da mal di testa a vertigini, nausea o visione offuscata e altri.

Intervenire

Prevenire. Comprendere le cause può aiutare a prendere alcuni provvedimenti che potranno essere utili, persino ginnastiche preventive che potranno mitigare alcuni effetti. Trattamenti. A fronte di una diagnosi, i trattamenti riguarderanno farmaci, strumenti che necessitano una preparazione ad uso, una cura di rieducazione. Possiamo seguirti in tutti i passaggi trasmettendo l’importanza anche di una prevenzione intesa come modo sano di comportamenti e ginnastica.

La Mandibola

L’articolazione della mandibola, articolazione temporo mandibolare, è una struttura anatomica che collega la mandibola al cranio, all’osso temporale del cranio. E’ una struttura complessa composta da legamenti, muscoli, capsula articolare, menisco cartilagineo.

I Disturbi

La Persona entra in allarme a causa di dolori in punti specifici o più generali ma che coinvolgono la struttura. Alcuni limiti nel normale utilizzo della mandibola. Chiusura non regolare, movimenti non coordinati e persino mal di testa. In situazioni prolungate o più complesse il malessere può estendersi come lombaglgia, dolore orofacciale, acufeni (dolori all’orecchio), instabilità-

Affrontare il Problema

Come spesso accade all’inizio e nel seguito il problema è multi disciplinare. Quando lo si focalizza in specifico, la terapia manuale fisioterapica lavora sulla rieducazione dell’articolazione, con massaggi mandibolari, mobilizzazioni articolari ed esercizio specifici. Compreso aiutare psicologicamente il paziente che è fortemente infastidito in molte funzioni, fino a ripristinare il corretto funzionamento biomeccanico e fisiologico.

Caviglia e Piede

Le lesioni possono manifestarsi immediatamente a causa di un trauma  senza una distrazione grave e senza rottura dei legamenti, fino a problemi con i legamenti e difficoltà forte di ambulazione o completa impossibilità. Possono presentarsi in un periodo successivo, come ad esempio un anno, o ripresentarsi. Mancate cure o scarsa gestione del trattamento possono poi portare a situazioni croniche.

operare a secco ed operare ad Acqua

Un lavoro di fisioterapia a secco, a seguito di diagnosi, è la base primaria. A fianco si può procedere con tecniche “in acqua”, ossia tecniche di idrokinesiterapia. Infatti azioni svolte in acqua, grazie ad una gravità minore ed a temperatura controllata, si possono ottenere risultati in tempo minore. Supporta infatti in fase di controllo del dolore e riassorbimento del trauma.

Due parole sulla Ingessatura del Piede

Ingessare è utile ma qualche problema in seguito può sussistere, ad esempio sul sistema linfatico e sanguigno. Togliendo il gesso può manifestarsi gonfiore e difficoltà di movimento. Meglio non sottovalutare. Essere seguiti da un Fisioterapista agevola con messaggi drenanti e mobilizzazioni, con possibile supporto di tecniche, dove necessario, di terapie fisiche antinfiammatorie e antalgiche per lavorare sul gonfiore (edema)  e dolore (Magnetoterapia, Tecar, Laser, Ultrasuoni ed altro).

La Mano

La Mano è un organo complesso, in cui si coniugano sensibilità e comprensione del tatto, abilità e flessibilità come forza e necessità di sostentamento dei carichi. 

Come viene colpita la mano

Purtroppo sono molti i fronti che il nostro arto deve affrontare:  sindrome del tunnel carpale (patologia derivata dalla compressione del nervo mediano che porta a formicolii, intorpidimento, dolore) ed altre neuropatie compressive. Tendiniti e tenosinoviti di polso e mano (il Dito a scatto, ossia una tenosinovite stenosante dei tendini flessori (o del tendine flessore, nel caso del pollice),  che interessa i tendini flessori della mano così da limitare come muoviamo le dita); poi artrosi, lussazioni e fratture, fibromatosi (una flessione continua e persistente delle dita)

Prima e dopo, Riabilitazione post intervento

Come per altri casi, è importante iniziare a pensare prima. In questo caso a sintomi iniziali e parlarne con uno specialista senza lasciar correre troppo tempo. La stessa prevenzione di indagine può portare a consigliare interventi per affrontare definitivamente il problema e non lasciare che degeneri in danno più grave ed effetti collaterali. Per poi arrivare ad una terapia di rieducazione; occorre trattare il gonfiore; sciogliere le aderenze cicatriziali con trattamenti specific come la tecarterapia, la coppettazione, il massaggio connettivale, trattamento del dolore, recupero funzionalità, accompagnamento al ripristino della attività lavorativa.

Alcune Nozioni Tecniche in Pillole

Tecarterapia

Trasferimento Energetico Capacitivo-Resistivo. Viene anche chiamata solo “Tecar”. E’ un trattamento elettromedicale che viene somministrato con uno strumento capace di ridurre il dolore e accelerare la riparazione dei tessuti. La tecnologia alla base della Tecarterapia è brevetto internazionale. Il marchio Tecar, Tecarterapia e derivati sono marchi registrati e sono di proprietà dia Unibell International.

Viene eseguito un massaggio sui tessuti con lo strumento. può lavorare in modalità capacità, (adatta alla cura dei problemi ai tessuti molli), oppure in modalità resistiva, (adatta per il trattamento per traumi di ossa, arti, cartilagine) . Il funzionamento è basato sul principio di indurre calore a scopo terapeutico; nella Tecar il calore viene sviluppato all’interno del corpo, per cui si parla di terapia “endogena”.

Dove esistono Traumi. Permette un più veloce recupero da traumi e patologie infiammatorie dell’apparato muscolo-scheletrico.  ossei, articolari, cartilaginei, agendo per un aumento del microcircolo, vasodilatazione e incremento della temperatura interna. Aiuta quindi in situazioni di contratture, stiramenti, strappi, gonfiori (edema). Utile anche in patologie come lombalgie, cervicalgie, tendiniti, ed altre.

Onde d'Urto

La tecnica per onde d’urto è una specialità per cui, tramite un macchinario, si generano onde acustiche ad alta energia.

Attraverso la macchina, il Professionista individua il punto in cui agire e attiva la macchina per generare e regolare in intensità le onde. In questa tecnica si possono utilizzare due modalità di onde: onde focali o onde radiali. Le onde focali, come dice la parola stessa, agiscono su un punto specifico e giungono  in profondità grazie al controllo dell’Operatore sulla macchina. Se l’azione deve essere per onde radiali allora l’azione viene regolata per agire non in uno specifico punto (focus) ma su una zona più grande e superficiale.

le onde focali trovano impiego per curare patologie come: lo sperone calcaneare; pubalgia;  fascite plantare; tendinopatia calcifica achillea; tendinopatia calcifica della spalla; gomito del tennista; ginocchio del saltatore ed altre. Le onde radiali, che si distribuiscono su una area più ampia, hanno funzione anche di  antidolorifico, anti-infiammatorio, antiedemigeno. L’utilizzo di Onde d’Urto come pratica può aiutare riducendo la necessità di altri interventi come riduzione ad azioni chirurgiche e uso di farmaci; inoltre possono comportare una sequenza di sessioni più ridotte rispetto ad altre terapie.

Laserterapia

La tecnica al laser utilizza appunto uno strumento per generare un laser, ossia una energia contenuta in una radiazione elettromagnetica, ed attivare dei processi in genere bio chimici sull’obbiettivo che viene puntato.

L’apparecchio viene posto in prossimità della cute e la emissione del laser è in grado di raggiungere fino a 2 cm di profondità, raggiungendo punti di truma e lesioni anche profonde. E’ indolore.

Il laser è in grado di penetrare e colpire i mitocondri, deputati a creare energia per le cellule. Permette quindi di aumentare la azione del metabolismo cellulare e quindi del tessuto; ha effetto anti infiammatorio ed analgesico per il dolore; effetti per ridurre versamenti ed ematomi (azione antiedemigena); favorisce la cicatrizzazione e la rigenerazione per lesioni ai tessuti; ha effetti vasodilatatori sul micro circolo; aiuta l’assorbimento di liquidi interstiziali (effetto drenante linfatico). Il Professionista comunque prima di proporre tale terapia indaga la situazione del Paziente con estrema cura (esempio gravidanza ma non solo).

Neurodinamica

La neurodinamica appartiene all’insieme delle Tecniche Manuali. Si occupa di studiare gli effetti del movimento dei nervi periferici, nel complesso del sistema nervoso del corpo che parte dal sistema centrale al periferico. E’ una tecnica che agisce direttamente sui nervi del corpo, sfruttando la loro mobilità. Si tratta di una tecnica di mobilitazione degli arti.

si tratta di una Tecnica Manuale, quindi lavora con posture e mobilitazioni articolari. Necessita di una profonda conoscenza del sistema nervoso, centrale e periferico. E’ importante che in fase preparatoria il Professionista deve comprendere la attuale situazione del dolore del Paziente, come il Paziente limita il movimento a causa del dolore e quindi limitando il movimento limita altre azioni di terapia. dal lavoro sul tessuto nervoso si può migliorare il movimento e aprire la strada alle Tecniche successive.

Completa la riabilitazione. Altre tecniche si occupano di riabilitare muscoli, tendini, legamenti, la neurodinamica giunge sul tessuto nervoso. Consente quindi di lavorare per dolori di cervicale con derivazioni agli arti (cervicobrachialgia); supporta le terapie per il tunnel carpale alla mano; ernia del disco; mal di schiena e sciatica. Aiuta nel controllo del dolore e per questo può agevolare anche lo sviluppo di altre tecniche.

Linfodrenaggio

Tecnica basata sul massaggio per migliorare la circolazione linfatica. E’ parte del sistema di Tecniche di Decongestione.

Quale parte di un sistema di tecniche, nello specifico l’insieme di tecniche di decongestione, lavora con altre tecniche parallele quali il bendaggio, tecniche di drenaggio, cura della cute, gestione di elementi elastici, dieta, esercizi in genre di controllo peso. Il Linfodrenaggio ha un approccio speciale, dolce, basato su tempi specifici e ritmi per cui è necessario una professionalità dedicata. Si basa molto sulla comprensione dello stato dei vasi per comprendere come spostare i liquidi e favorire un riassorbimento, ossia vasi forti e deboli richiedono trattamenti specifici.

Il massaggio lavora per migliorare il circolo linfatico e ridurre i ristagni di liquidi. In caso di problemi linfovenosi la tecnica si evidenzia come eccellente

Coppettazione

tecnica terapeutica che utilizza proprio delle speciali coppe (ca cui il nome) sulla pelle per creare un vuoto e favorire il flusso di sangue. 

 

Lo specialista applica le coppette nei punti specifici e le attiva per creare un risucchio, un vuoto.

I vantaggi della coppettazione riguardano riduzione dal dolore e rilassamento muscolare. Viene utilizzata anche in ambito sportivo per contribuire ad aumentare il flusso di sangue in una zona del muscolo o ridurre il fastidio. Risulta molto efficace con tessuti muscolari assai contratti.

Massaggio Connettivale

Si tratta di una tecnica di massaggio che si focalizza sui tessuti connettivali e sottocutanei. Il tessuto connettivo è un insieme di cellule sparse che sono contenute in una sostanza che viene definita “matrice”. La matrice è a sua volta una composizione di fibre immerse in un elemento liquida o gelatinoso o solido. Esistono vari tipologie di tessuto connettivo, ma tutte hanno il compito di sostenere e nutrire organi del corpo.

Il tessuto connettivale ha anche uno specifico funzionamento, molto particolare. Registra ciò che accade, gli eventi, nel nostro corpo come possono essere ad esempio traumi. Il massaggio eseguito dal Professionista accede a strati profondi della cute per  “riequilibrare” questa memoria che è presente nel tessuto. E’ fondamentale che il Professionista conosca molto bene le relazioni fra le varie aree così come eventuali patologie del Paziente.

Il massaggio se effettuato in modo corretto de contrattura e scioglie i muscoli, migliora la circolazione; drena ed aiuta a eliminare liquidi in eccesso. Aiuta a mobilizzare gli arti. Risulta particolarmente indicato per recuperi post trauma, mal di schiena, problemi da stress e contratture.

Ultra Suoni

Gli ultra suoni sono una inda di frequenza superiore a 20 khz. Non sono suoni che l’Uomo possa sentire, ma penetrano nel corpo. In fisioterapia si sfrutta questa caratteristica per approfittare di tale suono che penetra e rilascia l’onda per “massaggiare”, ossia creare un massaggio cellulare e intercellulare.

L’Operatore stende un gel sulla parte da trattare e utilizza il generatore per irradiare i tessuti. Tale irradiamento implica un trasferimento di energia che li porta in vibrazione; i tessuti quindi consumano l’energia ricevuta rilasciando calore. Il calore è utilizzato per curare. Si ha quindi un doppio effetto su cellule e tessuti: un effetto meccanico dato dalla vibrazione ed un effetto termico dato dal calore.

Permette di trattare dolori e problemi come: Sciatalgia; Nevrite; Periartite; Tendinite; Conflitto sub-acromiale della spalla. Si ottengono benefici per effetti analgesici, anti infiammatori, per contratture dei muscoli e stimoli in genere.

Idrokinesiterapia

si tratta di una tecnica di operazioni a scopo di riabilitazione (movimento – kinesi) che avviene in acqua (idro – acqua) per sfruttarne le caratteristiche (minore gravità, calore) .

Perchè in acqua. Si sfrutta la minor gravità data dal galleggiamento che il corpo ha in acqua, come primo elemento. Ci sono benefici anche dal controllo del calore per la temperatura dell’acqua ma la forza gravitazione diminuita permette minore pressione sulle parti in disturbo. Esercizi in acqua oltre a sfruttare meno gravità riducono rischi di ulteriori lesioni, micro fratture, sfregamenti. Esercizi in acqua sfruttano poi la pressione idrostatica per ridurre il reflusso venoso e facilita l’espirazione. La stessa gestione dell’equilibrio, in esercizi svolti in acqua, diventa un vantaggio. 

L’idrokinesi un percorso riabilitativo di fisioterapia in acqua; viene utilizzata per la cura delle patologie acute e croniche della colonna vertebrale, per problemi agli arti e muscoli e riabilitazioni post operatorie. Fondamentalmente lavora su tutte le parti del corpo: spalla, ginocchio, gomito, anca, caviglia, piedi, polso, struttura della colonna vertebrale. Si lavora con programmi specifici e specifica preparazione del Professionista qualificato a tale tecnica

da definire

testo da definire.

testo da definire.

This site is registered on wpml.org as a development site. Switch to a production site key to remove this banner.